Memorie dell’Anima

Qualora il vento portasse un ricordo, allora dovrei inspirare a fondo e scrutare nell’abisso dell’anima, pur sapendo che non troverò risposte a tutto ciò che mi domando, che sento, che vibra dentro di me come un’assurda sinfonia tanto sublime quanto irrazionale, che va al di là di ogni concezione, pensiero o religione, eppure risuona come un eco immortale disperso nell’eternità del tempo e mi giunge, in un grido o in un sussurro, dritto al cuore. Qualora in me penetrasse la fragranza dell’inverno, l’essenza della neve, e quasi inconsciamente le mie labbra pronunciassero un nome ed il mio capo si piegasse come in cerca di un abbraccio, di un calore, di una memoria antica che aleggia nell’universo laddove ogni cosa è infinita, qualora tutto questo risvegliasse una scintilla dalle braci di una vita arsa dal tempo allora ti troverei, ancora una volta, per perdermi nella tua immensità e naufragare in un mare di dolce, splendida e vitale follia. Ma come posso gridare al cielo, piangere la tua assenza sotto alla volta di stelle, mormorare nel vento sognando ch’esso rubi il mio respiro e giunga a te lambendo il tuo immortale spirito, un’aura affine al sospiro degli angeli che possa dirti che non ti ho dimenticato? Le mille parole che brillano nelle stille delle mie lacrime, sgorganti al tocco amabile e spietato che il tuo nome mi riporta, possano costellare i flutti dei beati oceani che baciano la terra onorata dai tuoi passi, laddove sboccia il sole ad ogni aurora ricolma di gloria, al ritmo di mille cuori che scandiscono l’eternità. Perdona, se ancora non posso capire. Se ancora non trovo la strada, nell’oscurità di questo mio tempo. Perdona, se all’arrivo non terrò orgoglio fra le mani, né meriti né onore, né parole per lodarti. Perdona se cado sotto al peso dei miei anni di mortale, e se mi piego talvolta all’ombra che sfiora l’animo mio fragile. Arriverò. Sui miei piedi, solcherò ogni mio giorno. Ed io prometto, appellandomi all’anima, arriverò.

E. Edhilyen

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Arandur
    Ott 16, 2010 @ 19:51:42

    Testo meraviglioso, come sempre. Bravissima :*
    E la foto della nebulosa Testa di cavallo si armonizza proprio con esso e il tuo blog 🙂

    Rispondi

  2. Mildir
    Ott 16, 2010 @ 21:17:38

    Envanima ! Se c’è un aspetto che domini in ogni tuo scritto Estelwen, è quello della melanconia passionale !
    Ma permettimi una domanda (di cui ti lascio scoprire il significato, se lo vorrai…) :

    Man sacalyë ??? Ma istalyë man sacal ?

    Rispondi

    • Estelwen Edhilyen
      Ott 16, 2010 @ 22:00:55

      Per rispondere alla domanda di Mildir, che mi chiede chi cerco:

      non sono alla ricerca di colui a cui mi rivolgo nel testo, perché l’ho già trovato. Probabilmente prima che il mondo prendesse a girare per il verso sbagliato, quando la Terra era vergine, in un angolo di tempo dimenticato dalla storia che resta lì, silenzioso, celato nell’oblio dei millenni. Qualcosa è rimasto sospeso nell’universo, ed è qualcosa che ritroverò solo quando il mio spirito sarà libero di trovare le vie fra le stelle. Non posso cercare che nostalgia, adesso, e frammenti di una gioia immensa che ha irradiato così tanto un tempo remoto che alcuni fasci di luce sono giunti fino a qui, attraversando l’infinità del firmamento, per riattizzare un barlume di memoria. Non memoria delle immagini o dei suoni, ma delle emozioni. Come l’ombra di una fiamma, che vibra confusa dentro di me, e di cui sento il calore. Non cerco niente, nessuno, nemmeno risposte. Non mi resta che attendere fino alla fine di questo lungo viaggio, in cui tutti noi siamo come foglie trasportate dalle onde del mare, e solo allora potrò (e potremo) capire.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...