Il Cavallo Insegna

L’uomo, sin dai tempi antichi, alleva i cavalli e li istruisce. Chi trae vantaggio da tali insegnamenti, però, è il “maestro” e non l'”allievo”. L’uomo non può, in alcun modo, insegnare al cavallo a vivere.

Il cavallo, invece, è in grado di esprimere attraverso il comportamento, parole che alcuni umani non potrebbero nemmeno immaginare. Un buon addestratore, se vuole creare un solido e valido binomio, deve saper ascoltare ma -soprattutto- deve saper imparare. Mentre un equino impara il linguaggio dell’uomo per poterlo servire, all’uomo viene impartita una vera e propria lezione spirituale. Il cavallo parla chiaro, che più chiaro non si può.

Basta aprire gli occhi e le orecchie, basta conoscere la sua lingua, basta dimenticare la nostra natura ed entrare nell’ottica della sua.

Il cavallo è un essere completo, fisicamente e mentalmente. Noi non possiamo perfezionarlo in modo che (in natura) abbia una vita migliore, cosa che invece lui può fare con noi.

Questi sono alcuni fra gli insegnamenti che, in nove mesi di tempo, il mio cavallo mi ha dato:

“Ti insegno la quiete, la pazienza, ti insegno a non avere fretta. A procedere piano, anche quando corri. Ti insegno a dare valore ad ogni singolo passo, a sentire quanto è dura la salita e quanto fiera dovrai essere nel conquistarne la cima. Ti insegno ad osservare, a sentire, a percepire. Guarda la strada, guarda fra gli alberi, guarda nel cielo ed anche dietro di noi. Dovrai vedere ogni cosa, prima che la veda io. Senti il fruscio delle fronde, dei serpenti fra le foglie, di chi abita i boschi e degli uccelli fra i cespugli, senti i passi di chi sta venendo e di chi sta andando, prima che li senta io. Percepisci le mie emozioni, senti il mio timore, la mia noia, la mia fierezza, la mia rabbia e la mia gioia. Ascolta il mio corpo, ascolta i miei gesti, ascolta le mie movenze che vibrano in te. Io sono il tuo riflesso, sono lo specchio dei tuoi pensieri, dei tuoi sentimenti, delle tue emozioni. Se tu non avrai paura, io mi getterò nel fuoco. Se tu avrai paura, io non muoverò un passo. Io ti insegno a dar valore al tempo, ad esser fiera della strada percorsa nel guardarti indietro. Ne sentirai il peso nelle gambe, al che saprai d’averla guadagnata. Ti insegno a governare i tuoi impulsi, ed a prevedere i miei. Ti insegno a domare i tuoi spaventi, perché tu possa domare i miei. Ti insegno a guidare il tuo spirito, poiché tu possa guidare il mio. Ti insegno a marciare verso una meta, un passo alla volta, un pensiero dopo l’altro. Ti insegno l’importanza di un piccolo gesto, ti dimostro che la vita è fatta solo di questi. Ti insegno che la rabbia non dà frutti, che la violenza porta solo difesa, e che prima di intraprendere un progetto dovrai essere in pace con te. Non potrai chiedermi niente, se non crederai che sia possibile. Potrai legarmi, costringermi, bardarmi e rinchiudermi, ma di me non avrai che un guscio vuoto, sinché non vorrò darti il cuore. Quando vedrò saggezza nel tuo sguardo, quando sentirò fermezza e gentilezza nella mano, quando sentirò il tuo corpo fondersi in una danza insieme al mio, quando la tua anima saprà dialogare con la mia senza l’aiuto d’una catena, allora io ti seguirò.”

E. Edhilyen

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Arandur
    Mag 19, 2011 @ 16:56:39

    Mi dispiace, ma io sono d’accordo con la tesi di Estelwen, anche perché so che parla per sua quotidiana esperienza diretta. 🙂
    Il tuo testo è meravigliosamente ben strutturato e le tue parole estremamente convincenti, ma non solo per la forma retorica, ma sopratutto per le idee che trasmettono!

    Rispondi

  2. Estelwen Edhilyen
    Mag 19, 2011 @ 17:48:59

    Queste sono solo le parole che ho raccolto durante la mia vita insieme a Conan, da quando non riuscivo a farlo avanzare nemmeno con mille artifizi a quando sono arrivata a montarlo senza sella e senza redini, e a farmi seguire ovunque e comunque senza corde in totale libertà e collaborazione.
    Ma so che la mia lezione non è ancora finita, e che insieme arriveremo sempre più lontano.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...