Sussurri nel Tempo

“Il mondo geme un pianto di speranza, riverso in queste nubi che solcano l’empireo, riflesse nei miei occhi che specchiano i ricordi.
Ricordi muti e senza nome, dei tempi in cui ascoltavo la tua voce cantare in armonia con il fiume e con il vento, con i cori degli alberi antichi che silenti custodivano memorie. Io rimembro terre verdi, fertili d’amore e di sogni germogliati assieme all’anima mia acerba, che crebbe al tuo calore come i fiori in primavera. Eterna primavera, soltanto io ricordo.
Pur nella neve fresca, che lieve si posava fra i tuoi capelli d’oro, che lesta s’innalzava alla corsa del destriero e che azzittiva il mondo nel rivestirlo piano, io rimembro corolle bianche. Poiché non v’era inverno che tu non dileguassi, al solo sguardo immenso che mi rubò lo spirito.
Vedo ancora le iridi tue eterne, mirarmi soavemente dal firmamento terso. Nel cobalto del meriggio, scorgo l’eterno che portavi dentro. Scorgo il mio riflesso, racchiuso nel bagliore dell’estremo sole, scivolare ad occidente sino a morire piano. E vedo l’esistenza, tramontata e poi risorta, nella nostalgia perpetua dell’essenza tua immortale. L’anima rimembra corone di fiori.”

“Leggi parole incise nell’universo. Osservi le fronde danzare adagio, cogliendo voci che nessun’altro ode, in quel mondo sì distante assordato da un perpetuo chiasso. Nell’attenderti paziente, veglierò sulla tua vita.
Udirai nell’aria muovere una brezza, discesa dai cieli in terra straniera, per portare l’aroma dei mari che solco, dei venti che respiro, delle terre che incido. Ti porterà l’effluvio della luce e della pace, della quiete e della speme, poiché possa tu inspirare l’essenza d’un’aurora ch’attende di levarsi innanzi al nostro sguardo.
Ti desterai al mio tocco, al primo gemito d’un eterno canto. All’ombra delle frasche antiche, che intoneranno un inno al ritorno d’una figlia delle stelle, della terra, delle acque, della speme.
Solinga viaggerai, per le strade ardue e fosche, nell’incedere sì tardo verso l’ultima sera. Verso il tramonto che incendia l’occidente, nel sciogliere le fiamme di un sole smorzato, per lasciar che gli astri aprano la via all’alba. E tu ritornerai, finalmente, in quel che fu il tuo regno.
Alla dipartita tua remota, un salice è appassito.”

E. Edhilyen

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Arandur
    Lug 17, 2011 @ 20:04:33

    La conclusione è bellissima! Ma tutto il testo è dolce e delicato come una corolla…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...