Ode di Primavera

Risuonano i cori dispersi negli echi infranti nel grembo di verdi valli,
ove le danze di Primavera tingono l’aere d’ali tremanti.
D’onde venisti rondine allegra graffiando l’azzurro in volo sfuggente,
portando l’ode d’esotiche lande la cui distanza in un battito solchi?
L’anima vibra al richiamo dell’aura che lieve sospira fra fronde destanti,
pervase da gemme di speme risorta nel nuovo ciclo che muove la terra,
da semi d’amore in Inverno dispersi si aprono i petali dei cuori incerti.
Pulsa lo spirto nel petto in cui batte la fede immortale che si fa brezza,
respiro di vita a cui l’anima attinge come la fauna alla madre flora.
Danza farfalla alla musica eterna che il chiasso riveste d’un velo di pace,
odi la voce di questo lamento che lento si fonde nei cori del vento.
Lascia che segua il tuo volo fra i prati in un’infinita scintilla di vita,
e l’anima mia come cenere vola fra le correnti del cielo che muta.

E. Edhilyen

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Arandur
    Mar 16, 2012 @ 14:49:15

    Ti ha ispirata la Primavera vero? 😀 stavo giusto appunto scrivendoti una mail, ed ecco che spunta una nuova poesia!
    Bella bella bella! E non triste! 🙂

    Rispondi

  2. stefano re
    Mar 16, 2012 @ 15:39:41

    Particolare.
    Stefano

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...