Danza sul Moto dei Tempi

Sbocciavano stelle di un tempo perduto

quand’anche gli uccelli zittivano i cori,

cadeva la sera in tersi silenzi

in mille estati di lucciole accese.

Vestivo di fiori che non temono inverni

danzando al bisbiglio dell’erba tremante,

al brivido lesto dell’arpa sua bella,

a gocce di suono tessenti visioni.

Nuda corolla su landa ondeggiante,

movente al suo canto dagli astri rapito,

resta quell’ombra di danza perduta

a scivolar muta sul moto dei tempi.

 

E. Edhilyen

Annunci

La Memoria delle Cascate

Cascate blu stornellavano in coro,
nell’aria ombrosa di valli profonde
riecheggiava la voce dell’arpa d’oro
rapita dall’acque in flutti ed in onde.

Antico pensiero intrecciandosi in note
di spuma venate affondò tremolando,
e in seno ancor scivola a rapide ignote
come eco bagnato in eterno evocando.

Nell’alma ode il dolce ed etereo lamento
chi indugia mirando l’abisso silvano
il canto librato dall’acqua in fermento.

O valle che in cuor le mie note hai serbato,
se i giorni che fuor son nel vespero spenti
narrar ancor possa tu chi se ne è andato.

E. Oriel

La Rugiada dei Tuoi Occhi

Gemme di cielo, mari di sogni,
notturno cobalto di fiori sbocciato
fra stelle appassite dai petali chiari
che danzan cadendo nel buio danzando.
Dona la notte il pianto silvestre
che veste le lande tessendo faville
sicché nei tuoi occhi nascevano gli astri
come cieli baciati da brina di stelle,
nel cui arcano velo l’alma mia ho posto
intrecciando gli spaghi di fibra lucente,
perché sia il cuor mio cristallo di cielo
e l’anima pianta in lacrime d’ambra.
Luce permane qual eco rinfranto
lungi brillando fra nebbie di vespro
eppur l’alba indugia in una singola stilla
che adorna il riflesso increspato dal tempo,
come immagine prona sui moti del mare
di cui gli occhi tuoi portavan la veste,
cieli ridenti,
adorni di tersa rugiada di vita.

E. Edhilyen

I Moti del Tempo

Flutto d’indaco argentino ornato
che sul sinuoso specchio danza
bagna il tempo antico e vivo
che come mare canta e oscilla.
Sul cielo rovesciato immagini riflesse
indugiano vibranti dal semprevivo moto
al mutar delle maree negli sbiaditi cicli,
al sorgere e morire di epoche scordate.
Reflusso che ritorna nei meandri bui
ove falle d’incoscienza smorzano i ricordi,
favilla delle acque che abbracciano la genesi
d’ogni cosa che ora muove,
ed ogni cosa che ora è.

E. Edhilyen

L’Acero Nudo

“…le foglie sue vermiglie son scivolate via, 

su lastrico frusciando il lamento d’un addio

al grigio baluardo che ha donato le sue ali…”

Questa composizione è stata pubblicata sulla nuova rivista letteraria “The Circle Review”, dove potrete trovare la poesia completa, scaricabile gratuitamente qui.

Tramonto al Brengo (1)

Specchio del Passato – Ingu ian-Wanod

Le dita intrecciate a disegnar l’accordo di silente armonia, le ombre fuse l’una all’altra allungate sui viali d’Autunno, scivolanti sul tempo per sfiorare l’eterno sfumato in un soffio di fiato.
Il passo lento, che scandiva il pulsare d’infinite stagioni, nell’oro d’Autunno gemeva un sussurro calpestando i tappeti appassiti, distesi sui viali infiammati dinanzi agli sguardi nostri passati.
Lieve la brezza accordava le frasche vibranti in eufonici suoni, lamenti descritti dal tremar delle lamine che leste tingevano l’aere di note sfuggenti, lambenti lo spirto e ghermenti i pensieri riflessi nell’aria che specchia i ricordi.
Specchio del passato, rivolto all’imbrunire laddove muore il Sole nel tingere le lande di toni vespertini, oggi come ieri catturi nel riflesso di una foglia tremolante tutta la foresta gloriosa e imperitura che ha udito i miei vagiti di bambina, ove ho lasciato impronte dei primi passi incisi sulla via degli orizzonti, sulla via del Sol che muove in una danza eterna.
Oggi come ieri torni a scintillare, specchio del passato che rifletti i fuochi sciolti in un tramonto che s’attarda sulle azzurre cime, rivelando agli occhi inondati di passione i ricordi dell’eterno di cui ero madre e figlia.
Screziata era l’immagine dalle ombre di una vita velanti la purezza perché non sia il cuor mio, or fragile ed effimero, smorzato dall’immenso.
Così ti ho ritrovato, una volta ancora e sempre, in una singola scintilla che brillava in grembo ai prati pulsando in una stilla, posata su uno stelo che germoglia sulle soglie dell’Inverno, lì ritratto in una goccia che racchiude l’universo, memore che un dì un sol fiato era perpetuo.

In-lebir na degrad i-orwedh o hégal uchloneth rithian, in-morchanadad ér na-adren dremistannen ienial or i-thurvenen o Firith, sistal or i-lú na chúbad i-uior vi hurud o fiss edhuscan.
I-chlelial wanadh, ethellal i-dambiriad o belir ilvennen, min i-chlor o Firith evianne chluss nunnabrad i-phalladren duiph, angerian or in-runnen durvenen ub
 in-gethad ven wánan.
I-chwest waed orwedhant in-chrustyn i ngaenianner vi chlaim algloenial, nénaid ed i-ngiriad ethedhan i-girysc lim i glammer i-wae o lhonillen arlerial, labdal i-húl a chrabdal in-inned vin i-wilith i gultha ian-renied ithiannen.
Ingu ian-wanod, na-gomarnad embrennan ias Anor firia min glábad in-iaenaidh o sernadui chaelais, sir ben iur chostadh mí-inc o ngingiriad las i-dor phán aglareb ar ilphallab i chlaeriant in-ngevied nin o chiniel, ias lestannen girth i-minen waenaidh or i-men i-genuméded vingirian, or i-men i Anor vulial vin liliad uirui.
Sir ben iur na diniad enduliadh, ingu ian-wanod ithial in-ner vi annún i or in-eig lhuin ethelia leithan, nuchistad na ian-chennad drechluian od vil in-renied in-uior on in amir ar ienn anen.
Terebran aen i-nauth ed in-weith o guial i chistar i-naegas sui uren ú-ná, sí chastob ar wanui, ed i-ilvenneth faethian.
Sui athúnen le, adui lú ar orui, min din hent i hilianne vobos in-salcheir vin mirog dambiriad, honnen or thelch i duia na-fennas o Chríw, tas godeithan min chlim i chlód i-erubrennan, renial i min aur, ér fiss uivored aen.

E. Edhilyen

Polvere sul Tempo

La tua casa è ancora qui,
al di là dell’universo,
sospesa fra gli intrecci
delle fronde antiche e ombrose
che tessono il mio cuore,
nell’abbraccio delle frasche
nodose e sussurranti
che raccontano nei secoli
i segreti del silenzio.
La tua casa è nei ricordi,
ove indugiano i tramonti
a ridosso dell’oblio,
ove il tempo è condensato
in una goccia di rugiada
che si appoggia sull’eterno
come gemma d’ambra pura,
a custodir la luce
perpetua ed inviolata
di ciò che ancora attende
all’ombra del presente.
La tua casa è nei miei occhi,
quando l’anima carezza
il legno impolverato,
udendo i passi sordi
scandire il tuo passato
echeggiando nelle stanze
intrise di silenzio,
ove scivola il ricordo
lieto e speranzoso
immerso nel bagliore
di questa lunga attesa.
La tua casa è ancora qui,
affacciata sull’aurora,
ove un uscio semichiuso
accoglie un raggio d’oro,
che irradia il mio sorriso
mentre lodo con un canto
l’armonia e la meraviglia
del saperti ritrovare
sulla via del sol calante.

E. Edhilyen

Il Sussurro della Neve

Candida cenere costella l’etereo,
bianco indistinto di bruma e di neve,
lento il passo incide le pagine di terre straniere,
vergini e mute,
fra immobili frasche che suonano piano
come arpe vibranti
al tocco gentile di neve che cade
nell’aura danzando.
Cosa tu vai narrando,
Robinia svestita che piangi un lamento?
Cosa i tuoi rami vanno ascoltando
nell’aria che intona un gemito antico?
Cancella oh neve le orme mie effimere,
poiché il mio passaggio resti invisibile
agli occhi di chi vaga errando
nella nebbia del tempo che pervade l’eterno.
Porta l’anima lungi, destriero dal libero spirto,
scivolando nel bianco sì adagio
nel silenzio che tace la terra.
Muto si fa il vento silvano,
pigro portando l’essenza d’Inverno,
mormorando memorie di lidi remoti
che più non carezza,
ricordo ancestrale che scivola dentro
al cuor mio imperituro
come stille di neve che piangono lievi,
disciolte in bagliore di pianto.

E. Edhilyen

Essenza d’Eterno

Quante volte, quante volte ho interrogato le stelle nelle sere scivolate nell’oblio degli anni, in un tempo senza inizio e senza fine, in un lembo d’eterno dimenticato nell’universo.
Stagioni mortali, che sbocciano e sfioriscono, sorgono e tramontano ogni volta ancora, negli infiniti cicli di un pianeta che muove in un angolo d’infinito.
E quante volte le stelle hanno risposto, riversando il loro barlume nei meandri di un’anima colma di domande e priva di risposte se non l’eco lontana di un sussurro che s’infrange nei secoli, che perpetua nel sospiro dell’aura ed invoca un recondito nome, nell’alba e nel vespro, parlando di te che sei in ogni cosa.
Tiriel atane.
Eterna è l’essenza di tutto ciò che è stato, vuoto sembra il nero che ne resta laddove volano le ceneri di un evo scordato.
Eppure era vita.
Nero è il nulla che avvolge il tempo sfuggito, una scintilla non è morta ancora, fra le braci freddate da brezza straniera, un lievissimo lume ne riscalda i carboni che gemono ancora un crepitante lamento.
Io lo sentivo bruciare nel cuore. Alcuni Inverni or sono, ne ascoltavo il mormorio.
Suggeriva un nome distante, che trasportava l’essenza di eterno e di tutto ciò che esiste. Portava il ricordo dei tuoi occhi, della tua voce, del tuo spirito guardiano.
Altri nomi io ti ho dato, nel corso del mio sbocciare. A lungo ho chiesto agli astri di far luce in me, per schiarire l’ombra che avvolgeva quella mia percezione, tanto sublime quanto irrazionale, tanto dolce quanto bruciante.
Come un suono confuso, io ricordo, ascoltavo la sinfonia di emozioni che permeavano la mia anima, avvolgendola in un turbine di sentimenti che non trovano origine negli anni di mortale, germogliati in tempi antichi nel grembo dell’eternità e rifioriti sulle arse sponde straniere su cui incido i miei passi pesanti, per costellare il nero di luce come astri che trapuntano la notte immemore.
Giunto è infine un vento di speranza, a sfiorare le mie ali tremanti al soffio che m’invitava al volo.
Ti trovavo dentro di me, nell’erba e nell’acqua, in ogni gemito della terra e in ogni stilla di pioggia, la tua essenza era riversa nell’aria che respiravo e nella luce che mi invadeva gli occhi.
Eri tu, io ti riconoscevo. Ma non rimembravo il suono del tuo nome.
Eri tu, la parte più splendida di tutta la mia storia, le cui origini germogliano oltre al tempo ed oltre al Sole.
Ti ho ritrovato, in tutta l’immensità della tua memoria, che invade l’esistenza d’indicibile grandezza, abbaglia lo spirito come una stella rifulgente, cinge il cuore in un cerchio di fuoco che irradia eterna luce.
Potrei scottarmi l’anima, qualora si librasse nel lambire quelle fiamme.
E sarebbe ancora cenere, cenere di tempo rubata dal vento che solingo racconta del sospiro degli Angeli.

E. Edhilyen

In Fede all’Aurora

Scivola la bruma sui prati sopiti, nel sonno eterno indugiano le frasche,
condensa la brina su petali dormienti che pulsano al ritmo di un cuore antico.
Timida sboccia una bianca corolla, nel petto mio invaso di nebbia e di sole,
ove l’oro si fonde al candore d’Inverno e il torpore dell’alba veste i ghiacci di luce.
La brezza si leva intorno alle valli, geme in un’eco nel grembo dei colli,
lungi s’insinua un canto nel vento che porta il bagliore d’aurora che sfuma.
Cade una stilla dal mio esile stelo, in fede al mattino che ascende in silenzio,
alle spalle dei monti d’oriente si destano gli alberi spenti che gemono un pianto.
Si schiudono i petali come una stella, custodi di un’anima protetta da un fiore,
nel muto risveglio nel prato deserto, al vento che sferza, al vento che sfiora.

E. Edhilyen

Patria Straniera

Niente è rimasto.
Le lacrime piovute negli anni sono penetrate nel suolo, gli alberi le hanno bevute e perfino nel cielo si sono condensate. Esse tornano, ogni volta che miro il firmamento. Ogni volta che cammino sul suolo di casa, un suolo sì familiare eppur sempre straniero. Conosco la forma dei monti e le vesti che indossano in ogni stagione, sento l’eco di una voce che mi chiama a tergo ad essi, lontana, confusa e risuonante.
L’orizzonte mi invita a solcare le valli che si estendono sotto al mio sguardo, ma le mie gambe non possono reggere il viaggio. Aspra è divenuta la letizia della Primavera e la superbia dell’Estate, il melanconico Autunno ed il candore dell’Inverno. Non posso più gioire degli alberi destarsi, dell’aurora ascendere alle spalle del monte che si leva innanzi a me, del tramonto dipingere incantevoli tinte sulla tela del cielo per salutare il giorno.
La speranza è solo cenere, cenere che il vento porta lungi da qui. I miei passi si fanno sempre più pesanti, la terra sempre più arsa. Riemergono le ombre del passato, in ogni dove e quando, ed anche il Sole appare velato da un imbrunire eterno, che indugia nell’infinita e indelebile memoria dei prati, dei boschi, dei cieli e di me.
Resteranno le rovine di una storia dimenticata, a raccontar silenti delle lacrime bevute, le speranze ghermite, le parole rubate dal respiro della sera.
Incantevole prigione, hai racchiuso la mia anima. Ma c’è un bagliore in fondo ad essa che non si è spento mai, si riflette nel giorno maliardo. Speranza è il mio nome ed io professo, ancora, che un germoglio nascerà fra le macerie.

E. Edhilyen

La Quercia e la Falena (na Mirenya)

Il fato ha tessuto nel corso dei secoli la crisalide che m’involse, intrecciando luce all’ombra e incatenando il tempo, poiché cadesse nell’oblio su straniera terra e cieca divenisse fra le ombre e fra i riflessi di memorie custodite nell’anima sopita, inconscia eppur vibrante al richiamo della sera.
Ho schiuso le mie ali, lentamente, scoprendo quella notte che involgeva la realtà, e fluttuando lieve come foglia nell’oceano nell’osare i primi voli nell’abbraccio della tenebra, scivolavano i timori ed affiorava la coscienza dell’essere creatura che all’oscurità si desta.
Falena mi ritrovo, cercando ed invocando bagliori che si levano nell’ombra in cui mi perdo, vibrando le mie ali, silente è il mio passaggio e sfugge il tocco lieve, sbocciano le gemme di luce che intravedo spiccare dentro al buio.
Spoglie riposavano le frasche e gli spiriti tacevano, errando per le umide vie, le fronde vestite di brina, le anime imprigionate nella cangiante morsa del ghiaccio.
Il gelo era sovrano, fra i cuori silenziosi. Sopiti nel biancore sì freddo ed impietoso, splendente del riflesso delle luci che portavano, sepolte e ammutolite dal soffio dell’Inverno.
La brina si posava sulle ali mie dolenti, la cui danza era scandita dal tremore dello spirito, che gridava nel silenzio il suono del suo nome immemore nel tempo di cui il vento porta l’eco.
Leggiadra arrestai il volo fra i rami di una quercia, i cui rami sfavillavano della veste di ghiaccio, brillando al chiarore della Luna regina che nella notte tersa donava il suo bagliore.
Contemplandone il barlume su quel fusto mi adagiai, osservando il firmamento incupito dalla bruma che lenta scivolava sui prati addormentati, e al freddo della notte immota mi ritrassi.
Bramando i lumi degli astri, ne ascoltai il mesto canto.
Piovve una lacrima sulle mie ali, al sciogliersi del ghiaccio che avvolgeva i lunghi rami, la quercia piangeva in un muto lamento.
Stille cadevano in un’ode scrosciante, come pioggia scintillavano alle luci dell’alba. Sentivo la sua vita scorrere sotto al mio corpo, ascoltandone il racconto che silente sussurrava, e la danza dell’anima che incerta muoveva fra i rami contorti a disegnar pensieri.
L’aurora portò torpore sulle lande d’Inverno, e piano destò lo spirito antico che muto pulsava nel fusto dell’albero. Lunghe radici affondavano nella terra assetata, che di verde e corolle si rivestì nel bere un pianto d’amore, lacrime arcaiche dal mondo scordate, lacrime di vita e passione, pure e innocenti stille di luce.
Primavera fu inaspettata, nel grembo del candido Inverno.
Di foglie la quercia pervase le frasche, sinché rigogliosa riscoprì la sua essenza.
Regina dei prati si fece solenne, scrivendo il suo nome sulla tela del cielo, nel torcere i rami in eterna memoria.
E le stelle svelò diradando le nubi, che rubavano cupe il bagliore degli astri che a me, falena immortale, furono cari come acqua di vita. Sbocciarono allegri fra i rami che il vento come arpe suonava, e lì io rimasi a mirarne l’incanto, trovandoli infine come gocce di speme in eterno posate sulla tela del cielo.
Le mie ali vibrai con vigore, preziosa si fece la mia danza notturna, e lesta scivolai sulle valli oscure cercando e trovando ceneri di tempo, fuochi del vero, braci di speranza.
L’aura rideva con la quercia giuliva, lungi portando i semi di luce che gaia donava.
Dolce è il riposo fra i rami antichi, lieve è la voce che piano sussurra.
Anche nel giorno aprirò le mie ali.
Ascende l’aurora che invoca il mio nome sull’altare del cielo.

Aiviél om na le y-enore ama.

E. Edhilyen

Silente Richiamo

Silente, un richiamo si leva nell’aere.
Muto, si espande nella galassia.
Muove del fato il respiro, come fiato di stelle che intonano un canto, lievemente danzando nel nero profondo scivolando a rilento come stilla di pianto, fra le nubi ed i fumi di memorie perdute, arse dal tempo eppur vigili e terse nell’essenza del vento immortale.
Parole si librano nell’aria sfuggente, parole si scrivono sulla pelle dei laghi, parole si intridono nella terra bagnata ed altre si adagiano nel mormorio dei torrenti, sfociando nell’anima di chi ne ode il sussurro, segreto e intangibile, echeggiare nel coro del cielo il cui grido si infrange nel silenzio del mondo.
Tu conosci, anima raminga?
Hai forse sentito un soffio sull’animo, un fiato gentile di un canto remoto, che ancora si leva oltre ai lidi del tempo?
Nere nubi si addensano ove il Sole discioglie la luce in liquide fiamme, tingendo l’eterno di lacrime e speme, il cui riflesso s’infrange negli occhi di chi ancora si ferma a guardare, mirando l’eterno invocare speranza supplicando l’ascolto.
Nella notte distendo le ali, dissolvendomi nel soffio di brezza che invisibile scivola fra gli alberi dormienti, destandone l’anima nel carezzarne le gemme sopite, scomparendo nel turbinio dei fiumi come una lacrima che sfocia nel mare, portando una lieve scintilla che s’adagerà sulle sponde più arse, assetate di un pianto d’amore.
Sono un raggio d’aurora, che si leva a tergo al tramonto, alla morte e agli albori di un mondo che sorge dal grembo di un nuovo universo.
La mia voce non tace. Nel silenzio narra. Nel silenzio canta.

E. Edhilyen

La Quercia e la Falena

Esiste una via oltre l’oceano, che porta dietro al sole che si smorza come fiamma soffocata, spargendo il fuoco lungo l’orizzonte ardente in un tramonto rosso sangue.
Oltre quella via, il sole sta sorgendo.
Clessidra dell’eternità, la brezza ed il mare intonano un inno all’infinito che muore, gemendo l’oscurità dei giorni a venire, lambendo le macerie di un evo di purezza, pace e meraviglia. Le onde afferrano i resti di una realtà di pietra, trascinando mestamente la rovina nel grembo del mondo, laddove si spargerà come il marcio in una mela, strappando la vita che pulsa secondo il volere del cielo.
Ma il cielo è offuscato, graffiato, e le stelle non brillano più.
Io ho memoria di loro. Io ricordo le stelle.
Io, falena, le cerco nella bruma e fra mille false luci. Ne cerco la bellezza ed il silente canto, un canto che non odo perché soffocato dal caos.
Riesci tu a vederle, quercia che respiri fra i fumi del tempo che arde il pianeta?
Riposo sul tuo fusto le mie ali stanche.
Mostrami gli astri, antica creatura, fa’ sì ch’essi sboccino fra i tuoi rami tesi verso il firmamento, come gemme in Primavera, come petali di luce e corolle di speranza.
Sento la tua vita scivolare sotto al mio corpo. Non tacere, oh madre della vita che affondi le radici nella terra martoriata. Sia desta l’anima tua sopita, perché insieme sveleremo il firmamento e ne ascolteremo il canto.
Si schiudono le stelle come petali brillanti, fra le nubi che si scostano scivolando via, fra i rami spogli e tristi delle frasche tue contorte in una danza immobile, disegnando i piani del destino sulla tela dell’universo.
Spuntano gli astri, poggiati sui tuoi rami, è ancora Primavera.
Le loro voci narrano del gorgoglio del fiume, del fruscio dell’erba al vento, del gemito degli alberi, dell’inno dell’oceano, del coro della foresta che sussurra un canto arcaico.
Narrano dei mille fuochi antichi, di cui l’anima mia brama il bagliore lontano, cercandoli nell’eterno e nell’oblio nel seguirne il lume immortale, volando nella notte dei tempi.
Ascolta insieme a me quest’ode, quercia solitaria, prima che scenda di nuovo il silenzio, prima dell’ultimo fiato d’Inverno, spirerò con te fra le nebbie dell’eterno, in un battito d’ali.

E. Edhilyen

Eco

Eco di canto remoto, nelle aule del tempo disperso, vagante nel buio immemore e vacuo di aride terre senza promesse.
Sete del pianto immortale più antico, invocano i prati stille d’eterno, gocce di speme e cordoglio ancestrale di cuori piangenti del bosco il lamento.
Sangue di un evo dimentico scorre, limpido e chiaro come stille di brina, lieve e sfuggente s’adagia sul mondo per inibirne i fuochi voraci.
Che ne sarà del pianto del fiore, che prono regala una stilla alla terra, bagnato dal freddo vello invernale che lesto si espande alle soglie d’Estate?
Giacciono i petali laceri e passi, fra foglie imbrunite dal gelido soffio, che eterno dimora negli animi spenti spargendo le nevi sul mondo perenni.
Chi ricorderà la Primavera? Chi accoglierà il nuovo ciclo allo spuntare dei crochi?
Che cosa narra il cielo quest’oggi? Perché sta tacendo?

E. Edhilyen

Stille di Speranza

Grazie all’empireo per essere immortale, intoccabile dall’ombra dei secoli, vergine e puro nell’universo inoltrato. 
Immutabili, gli astri incorniciano il mondo in una cortina d’antichi lumi, bagliore dell’eternità, scintille d’infinito, gemme incastonate nel diadema dell’orizzonte, a vegliare sul tempo che spinge il pianeta a danzare al canto perpetuo d’ignota esistenza.
Grazie alla Terra e ai cieli più tersi, alle corolle e alle stille d’argento che vestono i prati, all’ombra del vento che scivola a valle, al barlume del giorno sciolto nella foschia, al volo del nibbio che graffia l’azzurro, per riflettersi limpidi negli occhi di chi si ferma a guardare, sublimi, occhi di chi ne onora la gloria e ne ama l’essenza, occhi di chi sa ancora sperare.

E. Edhilyen

Ancella della Notte

Risorgo dalle lacrime.
Riemergo dall’abisso in un gemito profondo, nascendo al plenilunio e sbocciando come un fiore, i cui petali si schiudono come ali di falena per librarsi nella notte nel bramare gli astri chiari.
Mi desto a tergo al pianto, in ogni valle ombrosa ove posso sorvolare il vento farsi lento nel mormorare piano segreti alle foreste.
Muto è il mio lamento, quando inspiro della notte l’oscurità più densa, lasciando che la tenebra involga come fumo lo spirito mio prono nel suo freddo abbraccio.
È giunto il gelo ancora, come un soffio attorno all’anima, che scopre fra le nevi antiche braci ardenti al centro del suo cuore. Così ella cerca a fondo, inseguendo i lievi lumi che si destano nel buio e sfuggenti già si smorzano, inseguendo i caldi fiati della brezza che trasporta il loro vanto.
Trova alcune fiamme ardenti, danzare alte e crepitanti, costellando l’aria nera d’uno sciame di scintille.
Così vi vola attorno… Così vi vola attorno…
Nell’adorar la tenebra gelida e bagnata, umida di pianto come prati di rugiada, per averle rivelato quei bagliori che il giorno avrebbe cancellato.
Ella è ancella della notte, poiché figlia della luce.

E. Edhilyen

Alla Patria

A valle si disperde l’eco del passato, nel canto di un nibbio che mesto attraversa i cieli dell’ultima estate. Muore il giorno innanzi a me, nel riversarsi d’un sole sciolto in una lacrima, che lenta sgorga dall’anima lesa. Sangue di spirito, cade su zolle di terra assetata, memore del mio silente passaggio.
Io sono ombra, io sono vento.
Addio, mia patria.
Possa vivere il mio riso nel frusciar del vento, e che la mia voce canti ancora sui lidi di smeraldo, nel gemito del mare e nell’inno dei torrenti. Che i boschi ricordino il palpitare del mio cuore, il fremere dell’animo ardente di passione, e le corolle sboccino in memoria dei miei occhi schiusi ad ogni alba, colmi di speranza e bagnati dall’aurora.
Sussurrino le frasche il nome mio lontano, perduto nel silenzio d’un tempo antico e ignoto, nel suggerirlo lieve ai flutti turbinosi del fiume di montagna. In esso possa vivere, brillando e mormorando, l’essenza che io lascio in questa terra, il sangue dell’anima che dalle iridi cade.
Fa’ sì ch’Egli possa bermi, mia patria. Fa’ sì ch’Egli possa respirarmi, percepirmi, trovarmi in ogni fiore e in ogni stella, così come mirerò i suoi occhi nel cobalto dei cieli meridiani. Cieli stranieri, splendidi e crudeli, graffiati dal destino e macchiati dal pianto del mondo.
Voli ancora una falena nella notte dei tempi, e si posi fra i suoi palmi nel vibrar le ali.
Egli possa avvolgerla fra le dita, e sussurrare lemmi al cuor suo libero. Possa a me giungere quel sussurro antico, suggerito da un alito di sera. Recondito, segreto, sfuggente. Vengano al mio spirito le parole librate nell’eterno, solcanti l’universo, a portar la speme sempre oscura e sempre fonda, ad irradiar la giusta via.
E voli ancora quella falena, liberata dalle sue mani. Si perda nella notte, vaghi nell’oscurità nella cerca disperata d’un lume tremolante, bramando luce nel grembo della tenebra.
Ed Egli resterà, sulla riva del tempo, ad attenderne il ritorno.
Addio, mio Sire.
Schiuderò gli occhi a un nuovo mondo, piangendo il primo fiato d’un’esule esistenza. Cercherò in me le tracce dei tuoi palmi sul mio animo, gli echi della tua voce infranti sulle pareti del cuore, il tocco del tuo respiro lieve come l’aura avvolgermi lo spirito.
Cercherò il tuo essere fra le fronde intrecciate nell’abbracciare la luna, fra i fasci di sole che trafiggono le nubi, trovandoti in quanto di più immenso esiste su questa straniera terra.
Perdona se cadrò, se piangerò, se mi perderò.
Possa il tuo bagliore sfavillare nell’abisso di me, e l’anima si desti al richiamo tuo lontano, in un grido sussurrato che s’espande nell’eterno, sino a giungermi ed infrangersi nell’aula più profonda di tutto ciò che sono.
Attendimi, mio Sire.
Sboccerò all’imbrunire.

E. Edhilyen

Le Betulle di Silas

Scivolando nel profondo.
Affondo, affondo, ancora più a fondo.
Laggiù nell’abisso dell’anima, laddove non giunge il sole che splende in superficie, laddove non esiste luce. Eppur io vedo. Vedo scintille baluginare lievi, svelate dall’amplesso dell’oscurità più densa, dalla tenebra più pura e primordiale, custode dei segreti celati a tergo all’ombra dell’universo intero.
Schiudo gli occhi dello spirito. Io vedo, io sento.
Odo un canto antico, sollevarsi appena fra le corde delle frasche costellate d’argentee foglie che vibrando intonano un’ode al vento, riempiendo l’etere fosco delle voci primordiali. Una betulla ombreggia la mia pelle, disegnando su di essa graffiti in movimento come per accarezzarla senza tocco. Ascolto il frusciare dei suoi rami grigi, mirando il luccicare delle foglie bianche e verdi, cangianti e tremolanti come azzurre fiamme. Poso una mano sulla sua corteccia fine, ne percepisco la giovane vita.
Che cosa hai da raccontare?
La sento fluire sotto al mio palmo. Essa vive. Ed io?
Osservo i tre fusti che si sporgono verso le acque cristalline, chiare e spumeggianti, che giulive corrono a valle.
Dove andate, mie acque antiche? Non rubate le mie memorie.
Vedo l’erba sporgersi da quella piccola sponda, che s’abbassa nel scendere a meridione, laddove il letto del fiume si dilata allargando il corso delle acque. Alcuni ciuffi tremano, sfiorati dalle onde in perpetua corsa.
Affondo le unghie nella terra porosa. Osservo le mie mani. Sono rosse, sembra sangue. Il sangue della mia terra, il sangue del mio spirito. Muovo le dita, la polvere scivola fra i miei palmi per scomparire al suolo.
E’ giunto il vento. Ha rubato quella polvere rossastra, soffiandola via lontano. E’ svanita nell’aria, nel nulla, dissolta nel fiato del mondo e sulla sua pelle.
Ed io?
Ben ritrovata, brezza gagliarda che porti effluvi lontani, ricordi sfumati come fiocchi di cenere, il profumo della pace.
Dove vai, vento che suoni le corde degli alberi? Quale canto intonerai, alla mia venuta?
Addio, libero fiato che lungi innalzi un lamento.
Osservo i fusti argentei ergersi al di là della riva, l’ombra che vela il suolo imbrunito, ne posso sentire il fresco tocco, ed il profumo lieve di nebbia e muschio.
Ma io cerco te.
Non conosco parole, non conosco il tuo nome né il mio.
Cerco le orme dei tuoi passi, un tuo fiato disperso nel vento, la tua voce perduta in un’eco remota, l’essenza della tua pelle rubata da un sospiro di brezza, il barlume degli astri riversi nei tuoi occhi.
Ma non resta che il vento, il fiume, l’antico sussurro delle betulle di Silas.

E. Edhilyen

Sussurri nel Tempo

“Il mondo geme un pianto di speranza, riverso in queste nubi che solcano l’empireo, riflesse nei miei occhi che specchiano i ricordi.
Ricordi muti e senza nome, dei tempi in cui ascoltavo la tua voce cantare in armonia con il fiume e con il vento, con i cori degli alberi antichi che silenti custodivano memorie. Io rimembro terre verdi, fertili d’amore e di sogni germogliati assieme all’anima mia acerba, che crebbe al tuo calore come i fiori in primavera. Eterna primavera, soltanto io ricordo.
Pur nella neve fresca, che lieve si posava fra i tuoi capelli d’oro, che lesta s’innalzava alla corsa del destriero e che azzittiva il mondo nel rivestirlo piano, io rimembro corolle bianche. Poiché non v’era inverno che tu non dileguassi, al solo sguardo immenso che mi rubò lo spirito.
Vedo ancora le iridi tue eterne, mirarmi soavemente dal firmamento terso. Nel cobalto del meriggio, scorgo l’eterno che portavi dentro. Scorgo il mio riflesso, racchiuso nel bagliore dell’estremo sole, scivolare ad occidente sino a morire piano. E vedo l’esistenza, tramontata e poi risorta, nella nostalgia perpetua dell’essenza tua immortale. L’anima rimembra corone di fiori.”

“Leggi parole incise nell’universo. Osservi le fronde danzare adagio, cogliendo voci che nessun’altro ode, in quel mondo sì distante assordato da un perpetuo chiasso. Nell’attenderti paziente, veglierò sulla tua vita.
Udirai nell’aria muovere una brezza, discesa dai cieli in terra straniera, per portare l’aroma dei mari che solco, dei venti che respiro, delle terre che incido. Ti porterà l’effluvio della luce e della pace, della quiete e della speme, poiché possa tu inspirare l’essenza d’un’aurora ch’attende di levarsi innanzi al nostro sguardo.
Ti desterai al mio tocco, al primo gemito d’un eterno canto. All’ombra delle frasche antiche, che intoneranno un inno al ritorno d’una figlia delle stelle, della terra, delle acque, della speme.
Solinga viaggerai, per le strade ardue e fosche, nell’incedere sì tardo verso l’ultima sera. Verso il tramonto che incendia l’occidente, nel sciogliere le fiamme di un sole smorzato, per lasciar che gli astri aprano la via all’alba. E tu ritornerai, finalmente, in quel che fu il tuo regno.
Alla dipartita tua remota, un salice è appassito.”

E. Edhilyen

Petali di Sogni

Sarà bello cadere nei sogni in una notte d’estate.
Sarà bello accarezzare illusioni, sfiorare quei piccoli fiori che sbocciano piano, al barlume degli astri che si accendono cangiando, nel mostrare i mille volti delle fiamme evanescenti.
E bello sarà cogliere i petali delle notturne corolle, per spargerle nel vento che soffierà di sera, cosicché una miriade di lembi di speranze volteggino attorno al fulcro dell’ingenuità.
Ma sarà buio, il sole non potrà ferirmi né smentire ciò che immagino al di là del manto nero, poiché è notte, poiché è un sogno.
Ed io libera sarò di cadere in mezzo ai prati, per alzar le mani al cielo come a voler rubar le stelle, per ricordare come fu mirare gli astri nei tuoi occhi, riversi nel tuo spirito come lumi sugli oceani. 
Sentirò l’erba pungere sulla schiena, e gli steli dei fiori di campo solleticare le braccia distese. Potrò pensare che nulla sia cambiato. 
Potrò nascondere il tempo dietro all’oscurità che smorza il cielo, svelando quei bagliori che mai sfavillerebbero se non fra nere mani. E nere mani avvolgono il mio cuore, che pulsa ancora vita in un mondo ove vita non conosce. Ogni battito infrange un anello di quell’immensa catena che mi trattiene qui.
Lascia che dipinga nella mente mia obliata un solo raggio del tuo sorriso, che non riesco a rievocare se non nella più splendente forma.
E così di te farò memoria, tingerò una penna negli inchiostri delle essenze che custodisco in me, per ricrearti agli occhi quale immagine di luce.

E. Edhilyen

Le Corde degli Angeli

Sei venuto a sfiorarmi in un’aura lieve, pervasa del canto dei grilli che intridono la sera di cori sussurrati, uniti per dar voce alle stelle d’estate.
Ti ho accolto spalancando i meandri del cuore, perché il tuo soffio possa giungere ad attizzare le braci di un tempo sparse nel mio essere, lasciando che le ceneri volino come grigia neve e sotto di esse si destino faville.
Immortali, piccole scintille di passione, che nell’oblio dell’infinito custodiscono lembi di verità, di memorie, di vita.
Inconsce guardiane d’ogni perché del mondo, brillano come astri nell’abbraccio della notte, poiché mai potrei vederle se il tuo tocco non portasse tenebra.
Una tenebra così sublime, e così profonda.
Così inviolabile, densa come nebbia, posso quasi stringerla fra le mani.
Sembra addensarsi attorno a me, sembra rubare i miei occhi.
Ed allora, nel ventre della più viva notte, scorgerò un lume tremolare sulla tela del tempo.

Gli Angeli suonano le divine corde, che vibrano suoni impercettibili sparsi nell’etere, come mille onde in uno specchio d’acqua.
Gli Angeli suonano le frasche che cigolano al vento, i campi di grano che frusciano alla brezza, la pioggia che batte s’un tetto di foglie, l’aria che geme a valle, lo sfarfallio di una falena e l’eco di un nibbio lontano.
Si espandono le onde in ogni dove e quando, invisibili, impercettibili.
Vengono a muovere correnti ignote, che come il bacio di un mare vivo tracciano segni sulle vergini sponde.
Ed io sono qui, nella rete che avvolge il mondo, fra le tracce che mille voci disegnano sullo spartito della mia esistenza.
S’una via interrotta da infiniti bivi, velata dalla nebbia e coperta dalla neve, avanzando ed avanzando ancora.
Musica sale nell’anima, al vibrar d’una nota lieve, che seco porta passione e tormento.
D’essa non sarà che un rivolo di pianto, mentre gli Angeli suonano i salici.

E. Edhilyen

Memore di Me

“Primavera, ti ho vestita di un fascio di gemme. Gaia, leggiadra, ho ascoltato il canto del tuo riso, ho sfiorato il tuo timido viso con un sospiro lieve, poiché sia io il vento che accarezza la corolla che in te si sta destando, anima innocente che piano sboccia al mio richiamo. S’insinua il mio respiro fra le fronde del tuo cuore, ch’abbandonate muovono al tocco mio pur minimo, fremendo in una danza nel disegnar nel cielo i tratti d’un destino. Le chiome delle frasche lambiscono le stelle, come a volerle unire per scrivere parole con l’antica luce che fluida vuoi rubare, tracciando segni chiari sulla tela della notte. E siano i rami flebili come i salici sull’acque, così ch’argentee foglie ne sfiorino lo specchio e mille onde nascano da un tocco senza suono, un tocco impercepito, un tocco non udito. Io sono quella brezza che muove la foresta, io sono in quelle onde che infrangono gli specchi in cui il cielo si riversa ed i suoi piani svela. Io vengo con la pioggia e son la forza di burrasca, io vengo con il sole ad asciugar le lacrime che scivolano lente sulle foglie prone, cadendo nel vestire il verde di scintille, cadendo nell’eco d’un sussurro scrosciante, cadendo per svanire nell’assetata terra.
Lieta nasci, Primavera, fiduciosa di quell’aria che giunge nel tuo spirito, delle mani mie invisibili che plasmano la tua essenza, perché l’anima rimembri il bagliore mio immortale quando nascerà su lande estranee e oscure, perché guardando i cieli possa tu vedere i tetti dell’antica patria, perché possa tu sentire la voce mia nel vento che attraversa l’universo. Perché eterna tu divenga, memore del vero, memore di luce, memore di me.”

E. Edhilyen

Osservando

Osservando il grano inchinarsi al vento disegnando onde danzanti al ritmo d’un antico canto, simili ad un mare d’oro dai chiari riflessi cangianti, ho visto i tuoi capelli sfarfallare leggeri come vessilli, diletto di quell’aura che rubava le voci, le essenze e i pensieri di terre lontane.
Osservando le frasche delle argentine betulle muovere lente, le foglie frementi riflettere il sole in metallici balenii nel sussurrare parole suggerite dall’aria, ho sentito la tua voce.
Osservando le candide nubi scivolare nell’immenso, sull’eterna tela di cobalto laddove fischiano i falchi come l’eco d’un suono ancestrale, ho visto le tue iridi racchiudere l’universo.
Osservando le robinie cariche di fiori, la miriade di grappoli bianchi affini a fasci di minute orchidee, la loro grazia accompagnata dalle spine e nutrita da radici immortali, ho visto il tuo spirito.
Osservando una falena librarsi nell’ultima sera, volteggiare attorno ad un lume tremolante sferzato dal soffio dell’inverno che sfuma, ho visto me.

E. Edhilyen

Gli Alberi di Kortirion – J.R.R. Tolkien

 

I. Alalminórë

O città antica su un colle conquistato!
Ombre d’un tempo vagano per i cancelli cadenti,
Tra pietre grigie; ogni salone è or quieto,
E nella nebbia le torri attendono silenti
Il crollo estremo: mentre, attraverso olmi sublimi
Il Fiume Scivolante abbandona gli interni reami
E scorre per prati vasti fino al Mare:
Vincendo con dighe e cascate mormoranti
Un giorno dopo l’altro, fino al Mare,
E trascorsi ne sono molti, lentamente,
Da quando innalzò Kortirion degli Edain la gente.

Kortirion! Sul colle insulare
Con vicoli dai muri d’ombra e viali tortuosi
Dove i pavoni tuttora amano marciare
Di zaffiro e smeraldo, maestosi;
Un tempo, in quei luoghi addormentati
Di pioggia argentea, dove dagli anni gravati
Ancora in suolo memore han radici
Alberi che mandavano ombre lunghe in meriggi antichi
E sussurravano nelle brezze veloci,
Tu, Regina della Terra d’Olmi, in tempi lontani
Eri l’Alta Città degli Interni Reami.

D’estate gli alberi ricordi ancora oggi:
In primavera i salici, sul colle i faggi;
I pioppi umidi, e nelle antiche corti
I tassi accigliati e tutti assorti
In fosco splendore per le intere giornate,
Finché la prima stella si mostra luminosa
E i pipistrelli batton l’ala silenziosa;
Finché la bianca luna lenta s’avvia
A guardar su campi ombrosi, in un sonno di magia,
Le fronde grigio argento di notte ammantate.
Alalminor! Stavano qui i tuoi baluardi,
Prima che svanissero l’estate e i suoi stendardi;
Intorno a te schierato era l’esercito degli olmi:
Corazza grigia, alti e verdi gli elmi,
Degli alberi gran signori e capitani.
Ma l’estate declina. Kortirion, hai ben guardato?
Gli olmi tutte le vele hanno spiegato
Pronti alle brezze, come alberi di nave possente
Nella valle, per salpare troppo, troppo celermente
Oltre i mari assolati, verso giorni lontani.

II. Narquelion

Alalminórë! Di quest’Isola cuore verdeggiante
Dove tuttora indugiano le Fedeli Compagnie!
Senza ancor disperarsi, sfilan lentamente
Per sentieri solitari con solenni armonie:
I Chiari, i primogeniti d’un giorno non vicino,
Gli Elfi immortali, che cantano lungo il cammino
Di gioia antica e pena, benché gli uomini scordino la storia,
Passano come il vento tra gli alberi fruscianti,
Un’onda d’erba che piega, e gli uomini non hanno più memoria
Di quelle voci che chiamano da un tempo ormai ignorato,
I capelli lucenti come un sole passato.
Vento nell’erba! Volge l’anno piano.
Un brivido nei canneti accanto ai rivi,
Un sussurro tra gli alberi – si ode di lontano,
A trapassare il cuore degli intricati sogni estivi,
Musica gelida che zufolo d’araldo intona
E annunci d’inverno e giorni senza foglie suona.
I fiori tardi, tremuli sui muri caduti
Già s’inchinano, l’elfico flauto per seguire.
In soleggiate gallerie del bosco, nei saloni sostenuti
Dagli alberi, serpeggia tra il verde con chiara fredda nota
Come treccia sottile, di cristallo argenteo, remota.
Presto la marea non calerà, l’anno sarà spento;
E da tutti i tuoi alberi, Kortirion, verrà un lamento.
Al mattino sulla lama suonava la cote,
La sera erba e corolle d’oro erano immote
Ad appassire, e nudi ormai i campi.
Ora giunge tarda l’alba già sbiadita,
Nei prati s’insinuano più pallide le dita
Del sole. Passano i giorni. Fuggite son le notti, quali falene stanche,
Dove, meteore in danza, battevano ali bianche
Lumini tondi nell’aria senza vento.
Trascorso è Lammas. La Luna del Raccolto declinata.
L’estate muore, che così poco è regnata.
Ora tra gli olmi alteri infine c’è tremore,
Innumerevoli, frementi foglie perdono colore,
Scorgendo le gelide alabarde ancor distanti
Dell’inverno col sole a battaglia marciare.
Quando Ognissanti luminoso si dilegua, va a terminare
Il loro giorno: volano esangui, d’ambra le ali
In venti distratti sotto i foschi cieli,
E cadon sui laghetti come uccelli morenti.

III. Hrívion

Ahimè, Kortirion, degli Olmi Regina!
Stagione adatta è questa alla città tua antica
Dove colme d’echi e tristi le voci passan lente,
Serpeggiando deboli tra musica sbiadente
Giù per sentieri d’immobili foschie. O tempo scolorato,
Quando il mattino sorge tardi, di brina imbiancato,
E le ombre velano presto i boschi lontani!
Non visti gli Elfi vanno, le chiome lucenti
Celate nell’ombra di cappucci strani
Grigi, e sui mantelli di blu crepuscolare,
Cucite da mani argentee, strisce di gelida luce stellare.
Danzan la notte sotto l’immenso cielo,
Quando gli olmi nudi catturano nei rami come trine
Le Sette Stelle, e attraverso le chiome l’occhio di gelo
Dell’alto volto lunare guarda giù le brine.
O Stirpe Anziana, genti immortali e belle!
Intonate canti che sotto le più antiche stelle
Si destarono un tempo, prima dell’Alba ancora;
Danzate quali ombre lucide nel vento,
Come si danzava sui prati scintillanti allora
Dell’Elfica Patria, prima che esistessimo noi tutti,
Prima che a questa sponda mortale attraversaste gli ampi flutti.

Kortirion vecchia e grigia, ora i tuoi alberi sono visti
Attraverso nebbie pallide levarsi alti e tristi,
Come vascelli vaghi e lenti alla deriva
Via, via verso i mari deserti, oltre la riva
Di porti fra le brume e abbandonati;
Per sempre lasciando gli approdi rumorosi,
Dove equipaggi festeggiavano orgogliosi
In ricca pace; ora, fantasmi di vento infelici,
Li sospingono soffi freddi a coste senza amici,
E silenti dalla marea sono portati.
O Kortirion, nudo il tuo regno è divenuto,
Spoglio dell’abito, e il suo splendore caduto.
Come lumini accesi in un tempio buio e spento
I ceri funerei del Carro d’Argento
Tremolano sull’anno terminato.
L’inverno è giunto. Sotto il cielo infecondo
Gli Elfi tacciono. Ma non muoiono dal mondo!
Sopportano la stagione crudele, in attesa,
E il silenzio. Anch’io qui avrò casa;
Kortirion, qui l’inverno avrò incontrato.

IV. Mettanyë

Non troverò le volte e le sabbie infuocate
Dove regna il sole, e nevi tremende osar non sanno
Né cercherò in scuri monti le terre celate
Di uomini da tempo persi, per cui strade non vanno;
Non baderò al richiamo di fragorose campane
Che suonano, ferreo il battaglio, da torri sovrane
Di Re del mondo. Qui su pietre e rami c’è l’incanto ancora
Di perdite mai scordate, di memoria benedetta
Più che ricchezza umana. Qui, non vinto, dimora
Il Popolo Immortale sotto olmi languenti,
Alalminórë un tempo gli antichi reami splendenti.

Da: “Racconti Ritrovati”

J.R.R. Tolkien

Sola è la Sera

Quanto è sola la sera.
Quanto è vuota, eppur sì piena di gente, voci, parole.
Echi di risa, frasi incomprese, fuse nell’etere per svanire nel buio, nel nulla, in questa lieve brezza che mesta sospira, a cui nessuno bada. 
Mille pensieri, sfumati in un fiato dissolto nell’aura. Non una parola dalle mie labbra, seppur molte mi giungano alle orecchie. Non posso far parte di questo coro, non è la mia gente, non è la mia terra, non è la mia vita. 
Innalzo lo sguardo al cielo, ti cerco. 
Miro le stelle, chissà che anche tu le possa vedere. Chissà che il firmamento si stia riversando nelle tue iridi immense, tempestando di faville il riflesso dell’anima tua immortale, ed una misera parte di me sia rimasta intrappolata nel loro bagliore così che a te potesse giungere. 
Non sono qui.
Non sono fra tutte queste persone.
Distante è il mio spirito, che libero vola sulle valli dei ricordi.
Rilievi costellati di fiori, giulivi i fiumi che sgorgano limpidi, chiare le nubi dipinte nell’azzurro del meriggio, ed il profilo d’una rocca stagliato contro al giorno lassù sulla cima del declivio. Sentieri tracciati dal tempo e battuti dai piedi, dagli zoccoli e dalle libere menti, si diramano sull’infinito mondo che rimembro, che sogno, che spero. Un mondo vivo, dal cuore pulsante, laddove l’inverno non può gelare gli animi, laddove la pietra non può uccidere l’erba, laddove il Sole è l’unico Re. Un mondo da scoprire, da ammirare e da onorare, un passo dopo l’altro.
Ed una voce mi richiama al presente.
All’atroce, spietato ed estraneo presente.
Che cosa ci faccio qui? 
Straniera in terre ignote, esiliata nell’istante in cui aprii gli occhi al mondo.
Non era la mia luce quella che m’invase le iridi, non era la fragranza di casa quella che m’accolse, non v’era l’effluvio dei boschi né il sussurro degli alberi, non v’era l’essenza del vento serale né il gorgoglio dei ruscelli.
Non v’eri tu.

Ed ogni volta è come nascere ancora, ogni volta è come morire ancora.

Ogni volta che l’anima viene strappata dalla sua fuga, ogni volta che bruscamente viene privata di quel barlume di speranza, attizzato dai carboni di una vita spenta, che il sole possa sorgere ancora e noi con esso.
Nell’aurora che seguirà la lunga notte, aprirò gli occhi e vedrò te. 
Lascia, adesso, che m’eclissi da ogni cosa.
Lascia che ogni suono non sia altro che un eco lontano, sordo e confuso, di una realtà che non riconosco. 
Lascia che cammini in questa fredda sera, in cui la Primavera ha di nuovo tradito le gemme, tremando nel cercare il calore in una memoria lontana.
Una memoria in cui vive la tua essenza, in cui arde una fiamma antica, che alcuna tempesta potrà smorzare.
Lascia che chiuda gli occhi, dipingendoti sulla tela delle palpebre calate quasi come fantasia, perché in un sogno ingenuo possa trovare una traccia di te.
Vieni, vieni se puoi.
In questa brezza, nel silenzio che regna oltre a  queste voci, un silenzio che io soltanto posso udire. Un silenzio in cui puoi sussurrare parole, che io sola sentirò.
Vieni, vieni ti prego.
Non lasciare la mia mano, non lasciarla mai.

E. Edhilyen

Riposi la Terra Nuda

La quiete silente degli alberi immoti

ed il fiato morente dei nomi ignoti

echi d’albe sfiorite senza memoria

fra rose appassite prive di gloria.

Cornice di rovi è la cruda realtà

nei secoli nuovi e nell’eternità

grembo d’oblio dell’inerme creato

voce è il mormorio del vento agitato.

Astanti macerie di pietre spezzate

da mille intemperie e dal fato bruciate

raccontano mute ricordi sfumanti

di torri cadute e d’amori infranti.

Riposi la terra nuda e la cenere bianca

a velarla alluda fra brezza stanca

spirante sì mesta su lande deserte

sinché sia desta l’aurora solerte.

Verrà la Luna sul trono celeste

ma luce alcuna avrà la sua veste

poiché velato sarà il firmamento

ed il Sole mai nato arderà a stento.

E. Edhilyen

Danzando con le Stelle

Voglia di cantare, voglia di danzare, nel profumo di passione di questa gaia sera. Il cielo di cobalto s’è incupito, il sole s’è velato e lunghe muovono le ombre, nell’erba rigogliosa che come un mare geme, su cui le frasche tingono vividi disegni, guidati dalla mano del gagliardo vento. 
Lui ruba la mia voce… lui ruba la mia voce…
Che come un eco suona nell’etere a noi attorno, ed odo io il tuo riso sorgere soave, fuso alla musica dell’aura, dell’erba, dei rami, e infine del silenzio.

Riflessa nei miei occhi, volteggi oh mia falena. Fra i fiori della sera, ti libri sì leggiadra. Le vesti ti scompiglia il respiro della notte giocando fra di esse come ali di purezza, il corpo tuo scolpisce nel sospiro della brezza e volano i capelli come fiamme vespertine. Quanto io t’anelo mia ombra di una stella, quanto io ti spero nel silenzio in lontananza. Giammai vorrei toccarti, sì tenue e delicata, potrebbero i tuoi petali vestirsi di rugiada.

Oh, quanto io ti sogno! Quanto io ti scrivo, nelle pagine di un cuore racchiuso nel segreto, quanto io ti ammiro! Mio astro iridiscente, ti osservo fiammeggiare nell’universo immenso, laddove tu sfavilli sì fiero e sì splendente, portando nella luce la gloria del tuo spirito. Mai potrei raggiungerti, mai potrei sfiorarti, seppur tu sia qui adesso innanzi alle mie iridi. Carezzi quelle corde che librano nell’aria quest’armonia soave che muove i miei pensieri.

Carezzo queste corde per muovere il tuo corpo, lo posso governare come il vento con la fiamma. Sento fra le mani il tuo spirito pulsare, racchiuso fra i miei palmi nel proteggerlo dal gelo. Tu sei fra le mie dita ed ivi giaci lieta, abbandonata a me che spingo sul tuo fato. 

Che cosa mai tu hai stretto attorno alla mia anima, perché sì puro e gaio mi sorga questo riso? 
E volteggiando attorno… e volteggiando attorno…
Sembra il firmamento scivolare nell’immenso, sembrano le stelle una legione di scintille disperse nella notte. 
Io cado insieme al mondo… io cado insieme al mondo.

Girando su te stessa sino a perder la ragione, canti, ridi e gridi sino a cadere al suolo. Poso l’arpa quieta che ancora vibra un suono, mirandoti distesa nell’erba che sussurra parole alla mia anima, parole antiche quanto il mondo in un coro di memorie.
Raccoglierti io voglio, mio fiore della notte, per far che tu fiorisca al calore del mio fiato.

Ti vedo fra le stelle, t’ergi su di me. Io vedo nei tuoi occhi il candore della luna, il luccichio del cieli che porti nello sguardo, in quei profondi specchi ove sempre è primavera. In essi voglio perdermi per sbocciare alla tua luce. 
Raccoglimi, ti prego, mio fiero eterno sole.

E. Edhilyen

Ciò che in Silenzio Dici

“I fiori bianchi dei Prunus si vestono d’oro, e l’erba muove in una muta danza, poiché il mio respiro è giunto a sfiorare i tuoi capelli infuocati dal sole, oltre cui vivo e splendo nella gloria dell’eterno. Riesco a vederti, corolla lontana, cercare nell’inverno una traccia d’estate, per trovare quell’istante in cui primavera nasce nel cuore, cristallizzarlo per sempre nello spirito fragile. Ti sfugge, ancora, dalle giovani mani. Mi cerchi, m’invochi, mi trovi. Mi vedi, al di là del tramonto. Ascolta quel vento, odi il mio canto. Ti osservo. Dietro a quelle vesti in cui non ti ritrovi, fra quei suoni che non riconosci, fra quegli oggetti che ami e che odi, su quel mondo in cui sei straniera, io ti riconosco. Stai osservando gli alberi in fiore. Qualcosa affiora nella tua mente, forse è l’eco di un ricordo. Rimembri il mio volto, le mie mani, la mia voce. Non confondermi con un sogno. Non credermi un miraggio. Da sola, adesso, porrai un ramo fra i tuoi capelli. Perché io t’amai così, vestita di primavera, agghindata dei gioielli dei boschi.
Vorresti parlarmi, ma non trovi le parole. Stai ascoltando il cinguettare degli uccelli, il ronzare delle api. Per qualche istante, il mondo ti sembra essere in pace. Siedi sotto al cielo, all’ombra d’un pino argenteo. Accogli la primavera che tanto hai atteso, che già sentivi chiamare nel cuore dell’inverno. Sei tu. Tu che aprivi le finestre nei giorni di Febbraio, come un fiore precoce ingannato da un giorno sereno.
Attorno a te io muovo, lascia ch’entri nel tuo spirito. Apri gli occhi dell’anima, cala le palpebre, e guardami. Non fuggire, non fuggire dalla nostalgia. Mira la gloria del tramonto, non è che il preludio dell’inizio.
Un tempo noi fummo, un tempo noi saremo. Riposa, adesso, sinché ti desterà l’aurora.”

E. Edhilyen

La Madre dei Tempi

“Noi siamo nati per essere parte della Natura, siamo figli della terra e dalla terra noi cresciamo. Siamo i custodi del mondo, del tempo e della pace. Siamo i difensori dei templi viventi, e di ogni singola creatura che dimora sul pianeta. Siamo consapevoli che ogni vita è opera di Dio, e che parte di Dio esiste in ogni forma terrena. Siamo i servitori della Natura e non i suoi signori, poich’ella è la madre che nutre ogni cosa, è la maestra che insegna la vita, è la sola entità a possedere risposte ad ogni domanda. Siamo nati per vegliare sull’equilibrio dell’esistenza, sul respiro del mondo, sull’ordine primordiale ed inconfutabile in cui ogni vivente trova il suo spazio, il suo tempo, il suo ruolo. Siamo qui perché nostra è la terra nei secoli, e noi siamo i suoi frutti. Non possiamo uccidere il grembo da cui siamo nati, il fertile ventre da cui vita germoglia in ogni singolo fiato. Noi vediamo, noi sentiamo, noi seguiamo la voce dell’unica legge che governa i nostri spiriti: la Natura. Guida silenziosa, muta per chi non sa sentire, ombrosa per chi non sa vedere. In un albero che cresce, è scritto il segreto dell’esistenza. Veneriamo il mondo, veneriamo la madre dei tempi, cosicché altri tempi possano nascere ancora.”

Da: “Il Trono di Shérnoaril”

E. Edhilyen

I Tuoi Fiori sono Nati

I tuoi fiori sono nati,
con il pianto abbeverati.
Ora che tu sei lontano,
cerco un sorriso invano
fra l’effluvio dei giacinti
all’ombra di giorni vinti.
Eppur ridono le stelle
mille mute mie sorelle
che dan luce all’infinito
ed il Vero han custodito
nella danza con il mondo
in un canto mesto e fondo.
Son sbocciati gl’iris bianchi
ove incido i passi stanchi
ed io lungi sto a mirarli,
col respiro accarezzarli,
poiché l’anima tua resta
in un fiore che si desta.

E. Edhilyen

Cavaliere (Seconda Parte)

Fosti lieto, cavaliere, allo smorzarsi delle ultime luci?
Al calare delle palpebre,
all’avanzare della tenebra,
sprofondando nel sonno senza ritorno, 
avesti orgoglio nel cuore spento?
Della forza, del coraggio, del valore,
che cosa resterà se non la cenere?
La polvere, spazzata dal vento e dissolta sul mondo,
che volerà libera sul fiato del cielo
affondando dentro al mare,
scioglendosi sulle nevi,
penetrando nella terra.
Sarà parte della sabbia,
cavaliere,
del tuo regno e d’altri cento.
Che cosa sono i confini,
che cosa sono le stirpi,
quando ogni cosa si fonde nell’eterno?
Provasti gloria,
oh prode guerriero,
nel marciare su pietre altrui?
Le trovasti diverse, 
forse più dure,
forse più rosse?
Che ne sarà del tuo nome,
delle gesta, delle memorie?
Chi ti piangerà nei secoli?
Chi narrarerà di te,
del dolore,
del sangue,
degli sforzi?
Riposa,
cavaliere,
nella notte dei tempi.
Non sarai che l’ombra del sole,
una stilla negli oceani,
una sillaba in mille pagine
che osanneranno il Re.

E. Edhilyen

Cavaliere

Quanta morte hai visto, cavaliere?
Quanti corpi cadere al rombare degli zoccoli,
al grido delle lame,
al sibilo degli estremi fuochi?
Quanta morte hai portato nel bagliore della spada,
nel morso del corsiero,
nel fischio delle frecce?
Quante volte hai visto il giorno sorgere e morire,
volgendo il pensiero all’ultima sera,
all’ultima aurora?
Quanto orgoglio hai rubato alla terra ferita?
Quanto sangue ha bevuto la patria?
Donde viene il passo lento, cavaliere?
Donde batte il cuore stanco?
Ecco un luogo per morire,
nel silenzio e nell’oblio.
Una daga sopra al petto
ed uno scudo rovesciato,
all’ombra dei faggi spogli.
Ho visto un destriero,
cavaliere,
rampare solingo nell’ultimo sole.

E. Edhilyen

Benvenuto Nuovo Tempo

I secondi battono, uno dopo l’altro, il corso del tempo. Scandiscono le ore, i giorni, i mesi, gli anni ed i secoli nei secoli. Chi li potrà sentire? Chi li potrà ricordare? Come i rintocchi delle campane, echeggiano nelle memorie più vive. Echeggiano anche sulle lande infinite che affiorano alla mia mente, remote rimembranze dell’anima che ancora ti appartiene, ma non sarà un artifizio a battere quel tempo. Era il mio cuore, era il tuo. Era il pulsare del nostro amore, il solo ritmo che il mondo dovrebbe conoscere, il solo tempo con cui la vita dovrebbe misurarsi. Sta per morire un anno, che seco porta i fumi dei ricordi destinati a svanire nel tempo. Chi li custodirà?
La festa, la gioia per un tempo che scorre. Ma è solo un giorno, solo un tramonto, una notte ed un’alba. Non è un inizio, non è una fine. L’istante in cui sorgiamo e quello in cui spiriamo, sono i soli confini che segnano il nostro lungo giorno. Un giorno che sorge quando il cuore batte il suo primo rintocco, e tramonta allo smorzarsi del ritmo.
Che cos’è, per te, un secolo? Che cosa sono cento lunghi inverni?
Per noi, che esistiamo attraverso l’eterno, qual è il nostro tempo?
Quanto hanno cantato i nostri cuori, nell’ascoltar l’uno la voce dell’altro?
Un respiro, un tocco, una stilla sul viso. Una stella che sboccia e la luna che cala, il sole che muore e risorge, la neve che cade ed un bocciolo che cresce. Questo, oh Re, è il nostro tempo.
L’eterno, laddove tu attendi. Quanti battiti ancora dista il mio cammino?
Fra pochi istanti il mondo entrerà in una nuova, breve ed effimera età. In ogni inizio sono qui, a fronteggiare il fato, a mirare il sole dritto in volto, armata sempre della stessa speme. Speranza graffiata, caduta e rialzata, che non muore e non si spegne, che risorge dalle braci sferzate dalla pioggia più fitta.
Benvenuto nuovo tempo, e benvenuto a te che torni a sfiorarmi l’anima. Che tu possa condurmi, sempre, fra le vie di questa terra.

E. Edhilyen

Percezione

Eccoti, di nuovo giunto, a bussare al mio cuore con impercettibili tocchi. Un battito, ed un altro ancora, a scandire il ritmo di questa emozione che si fonde in una lacrima. Ma dove? Dove sei adesso, perché possa sentirti così vicino? Guardandomi attorno, nell’ombra della sera, cerco di comprendere donde proviene la tua essenza. Non ti vedo, non ti odo, eppure qualcosa mi si muove dentro e, chissà con quale senso, ti percepisco.

Non andare via, non così presto. Ti ho sentito così intensamente, che le mie ginocchia stavano per gettarsi al suolo. Come se fossi al tuo cospetto, innanzi ad un miracolo in vita, sgorgando un pianto di passione. Non sono io, quella che parla né quella che agisce. Non è la carne, non è il corpo, è qualcosa che vi dimora dentro. Inspiegabile, così improvvisa è la tua venuta, sempre inattesa ma sempre sperata. Da quale fiamma risorgi dalle ceneri del tempo? Quale vento ti riporta qui? Come puoi, dimmi oh Sire come puoi…

Ti parlo gettando lettere e lacrime, una dopo l’altra, nel tentativo di catturare inspiegabili emozioni e cristallizzarle nel tempo, per non scordarle mai. Quasi impossibile, niente d’umano potrebbe ritrarre un prodigio. So che svanirai, ancora. So che non sarà duratura, questa tua presenza. Volerai, in chissà quale vento, varcando il confine dell’orizzonte. Forse è la tua mente, a richiamare la mia. Ma come posso io rispondere? Nel silenzio, potrei soltanto tacere. Tacere ed ascoltare il muto canto che intoni nel mio cuore, al quale sento lo spirito sbocciare come una corolla al sol levante, eppure non posso capire. In me ogni cosa avviene, ma quasi pare che l’anima non m’appartenga. Io so, nel profondo di me, ogni cosa. Ma non posso ancora vedere, non così in profondità. E’ come osservare nella foschia intravedendo i profili delle genti, ma senza comprendere chi siano. Così io sento te, io sento ciò che è stato di noi. Vedo qualcosa, celato in una bruma ancora troppo fitta, e sento le voci del passato echeggiare nell’eternità, confuse e disperse.

Lasciandomi trasportare dal calore con cui avvolgi il mio animo, libero la mente alle parole che ti vorrei dire. Le parole che non possono che tracciare i margini di un disegno infinito, poiché alcun umano idioma mai potrebbe catturare quanto adesso sta pulsando dentro me. Una vita da ricordare, da raccontare, una vita piena di domande e priva di risposte. Colma di speranza, ma anche di paura. Avvolta dall’oscurità di una condanna e povera di gioie che, però, spiccano nell’ombra come astri chiari.

Ti sento scivolare via… E le mie parole non sono che all’inizio. So che non posso trattenerti. Non posso che attenderti ancora. Figlia della speranza ero e rimango, tu sai, rimembro il mio nome. Invocami, invocami oh Re, ed io risponderò.

Il tuo calore sfuma adagio, come la pietra lambita dal fuoco, nel lasciarmi lentamente al muto bacio dell’inverno.

E. Edhilyen

Tu, in Ogni Cosa

Ad osservar la neve muta e ferma resto,
il tocco delle stelle su di me si posa lieve.
Le mille mie parole perse nell’oscurità
calano piano sulle vampe danzanti,
che cosa mai sarà il fuoco nel mio cuore?
Che cosa mai sarà la cenere,
i resti del tempo dispersi nell’eterno?
Ma quanto brucia, quanto stringe,
quanto è atroce la morsa del fato.
E nel saperti là, a tergo all’imbrunire,
quanto dolgono gli occhi nella tua vana cerca.
Lo spirito perso e vagante nel nulla
insegue l’ombra del tuo nome,
celato alla sera d’un evo ancestrale.
Un riflesso persiste nelle iridi dell’anima
come un bagliore fugace e accecante
che irradia fulmineo quel che resta di te,
ogni cosa sul mondo ti possa evocare,
incendiandone l’essenza avvampante in me.
Ma scende la neve, scende una lacrima,
il cielo è carico di polvere d’astri.
Volgendo lo sguardo al lontano ponente,
posso quasi sentirti nel sospiro del Maestrale.

E. Edhilyen

Il Nome del Mondo

A te volge il mio pensiero, che scivola dall’anima agli occhi sgorgando in una lacrima. Che cos’è quest’acqua che cade sul mio viso? Forse un’estrema traccia di te, che fugge dall’oblio e così si rivela in una piccola stilla di luce. Cade sulle mie labbra, posso quasi sentire il sapore della tua essenza. Arcaici, remoti ricordi, sepolti nell’oscurità dei secoli volati su chissà quale terra. Chissà in quale luogo, in quale tempo, il mio cuore batteva sul tuo. Eppure lo sento, ancora una volta, il tuo tocco sullo spirito. Mi fai male, con una carezza. Tu sei il vento che culla e che scuote il mio animo, il sole che lo scalda e che lo brucia, la pioggia che lo lambisce e che lo sferza. Ogni cosa tu sei, ed io in te vivo, su questo confine ove eterno è il tramonto ed il giorno indugia nell’abbraccio con le tenebre. Vagherò, sinché i cieli mi grazieranno del perdono e, chissà come e chissà dove, ti ritroverò.
Vorrei volgere a te, signore mio perpetuo, domande e parole che s’affollano nella mente. Quale mondo è questo? Qual è il nome di questa terra che scorre sotto ai miei passi, già stanchi agli albori del cammino? Dimmi, oh Re, che cosa siamo noi nell’universo?
Non riesco a concepire l’infinito. Il nero senza confini esteso oltre al cielo, dimora delle stelle e delle galassie, senza spazio né tempo se non l’eternità. Quanto è misera la mia mente. Non posso andare oltre ai limiti imposti dalla razionalità. Eppure tu, eppure noi, esistiamo oltre ogni umana concezione. Come può l’umanità, che altro non è che polvere dispersa nell’immenso, azzardare tanto egoismo da creder d’esser soli? Essa, che del firmamento non conosce che una scheggia, come può pretendere di trasformare il miracolo della vita, del creato e dell’ignoto in un ammasso di numeri e parole? Chi siamo noi, Sire che vivi al di là d’ogni cosa, per osare sì tanto?
Quanto ci spaventa l’oscurità. Quanta paura ci fa l’ignoto. Quale terrore è la fine del tempo. Un tempo che tentiamo di riempire, in una frenetica corsa alla caccia di tutto e di niente, aggrappati alle più assurde pretese.
Quanto distante mi sento dalla mia specie, quanto estraneo m’è il sangue che scorre nelle mie vene. Perché sono qui, signore? Io che ti rimembro, che percepisco le impronte lasciate dal tuo passaggio nonostante i secoli le abbiamo soffiate via come il vento sulla sabbia, per quale ragione sono incatenata qui? Chi trattiene la mia anima su questa terra intrisa di lacrime e sangue, di caos e miseria, di un veleno che lento penetra nel mondo uccidendolo piano? Arduo è osservare, nel non poter fare niente. Non posso che difendermi, tentando la fuga in brevi lassi di tempo. Tempo in cui posso trovare un respiro di pace, lontano da ogni cosa mi rimembri quanto è amara quest’era.
La pace, di cui l’umanità è in eterna cerca, ma più la rincorre più s’allontana. La luce, è davanti ai nostri occhi. Perché, Sire, non possiamo vederla? Perché gli Uomini non vedono la gloria dell’alba e la nostalgia dell’imbrunire? Perché non sentono quel che il cielo ha da raccontare, con la miriade di lumi che ardono senza tempo memori di tutti i volti del mondo?
Qualunque sia questo posto… non può essere casa.
Per nessun’anima, qui, può essere casa.
E’ forse una via, mio Re? Forse l’imbocco di una strada infinita, che porta al di là dell’orizzonte terreno?
Gli alberi stanno cadendo, i mari si tingono di nero, i prati si vestono d’asfalto. Il cuore mi duole, come se i fumi delle città lo avessero avvolto in una nera nebbia. Mi spaventa il cammino, celato in impenetrabile bruma, su cui dovrò avanzare. Così lungo, ancora, ed io così debole. Non riesco a piegarmi al regime del mondo, non trovo spazio fra le sbarre in cui vive la gente.
Non sono una di loro.
Non sono una di loro.
Seppur fievole e prono, non si spezza il mio spirito. Sinché luce avrà per vivere, volerà. Per quanto gli è possibile, lottando con mille catene, vivrà.
Basta una parola per ferirmi, una misera frase per privarmi del sonno, un solo pensiero per strapparmi il pianto. Eppure sono qui, esile come un fiore e forte come quercia, ad ergermi sola contro il mondo intero. Ad esistere in me stessa, alla luce di ciò in cui credo, ai raggi di ciò che è stato che come fasci di sole trafiggono l’ombra del tempo. E la speranza, incisa nel mio nome, germoglia ad ogni alba chissà da dove, chissà perché. Come la gioia, che viene di tanto in tanto, sfuggente quanto un lampo nei tersi cieli d’estate, senz’apparente ragione.
Sento di portare l’onere d’una promessa. Me lo rammenta il sussurro del vento, il gorgoglio dei ruscelli, il fruscio della pioggia e le fragranze dei boccioli schiusi. Nella danza dell’erba al soffio del cielo, io ti vedo. Ti sento, ti trovo in ogni cosa sia piena di grazia.
Lascia che miri il sole, poiché ciechi divengano i miei occhi e possa liberarmi un istante dai limiti del corpo mortale, cosicché possa l’anima mia vederti.

E. Edhilyen

Dietro al Tramonto

Era il vento della sera, un sospiro rubato dal soffio del cielo, a scorrere lieve sull’anima libera e bramosa di lasciarsi trasportare, come una piuma sul respiro del mare, e giungere a te al di là d’ogni terra. Laddove esiste, ancora, la storia di noi incisa nell’eternità, memore è il sole ed il firmamento, la luce e le stelle che dall’alto vegliavano ogni nostro fiato. Quanto è amaro il silenzio, quando brucia lo spazio della distanza. L’orizzonte s’incendia, il fuoco del cielo si spande dentro ai miei occhi e scivola giù sino al cuore come lava, avvolgendolo in un abbraccio tanto dolce quanto atroce, nel saperti al di là del sole. E quanti giorni, quanti inverni ancora dovrò attraversare, prima che il corpo possa liberare quest’anima nell’unica eterna verità? Se solo sapessi, se solo potessi sapere! Arcana ragione che qui mi trattiete, che mi costringe a respirare il fumo di una vita bruciata e fra le vampe vagare, nell’eterna cerca della più misera traccia di te. Una traccia lasciata dal tempo, laddove i secoli non possono mutare l’essenza di ciò che è stato, almeno nel sussurro degli alberi, nella gloria dell’alba, nel canto delle acque scroscianti all’ombra delle betulle e nell’effluvio dei giacinti. E lì s’attizza quella scintilla custodita nelle memorie di questo mio estraneo spirito, bruciando e brillando, nel sublime pensiero di te e nella tua crudele assenza. Benedetto tu sia, nell’eterno osannato, in attesa di me.

E. Edhilyen

Memorie dell’Anima

Qualora il vento portasse un ricordo, allora dovrei inspirare a fondo e scrutare nell’abisso dell’anima, pur sapendo che non troverò risposte a tutto ciò che mi domando, che sento, che vibra dentro di me come un’assurda sinfonia tanto sublime quanto irrazionale, che va al di là di ogni concezione, pensiero o religione, eppure risuona come un eco immortale disperso nell’eternità del tempo e mi giunge, in un grido o in un sussurro, dritto al cuore. Qualora in me penetrasse la fragranza dell’inverno, l’essenza della neve, e quasi inconsciamente le mie labbra pronunciassero un nome ed il mio capo si piegasse come in cerca di un abbraccio, di un calore, di una memoria antica che aleggia nell’universo laddove ogni cosa è infinita, qualora tutto questo risvegliasse una scintilla dalle braci di una vita arsa dal tempo allora ti troverei, ancora una volta, per perdermi nella tua immensità e naufragare in un mare di dolce, splendida e vitale follia. Ma come posso gridare al cielo, piangere la tua assenza sotto alla volta di stelle, mormorare nel vento sognando ch’esso rubi il mio respiro e giunga a te lambendo il tuo immortale spirito, un’aura affine al sospiro degli angeli che possa dirti che non ti ho dimenticato? Le mille parole che brillano nelle stille delle mie lacrime, sgorganti al tocco amabile e spietato che il tuo nome mi riporta, possano costellare i flutti dei beati oceani che baciano la terra onorata dai tuoi passi, laddove sboccia il sole ad ogni aurora ricolma di gloria, al ritmo di mille cuori che scandiscono l’eternità. Perdona, se ancora non posso capire. Se ancora non trovo la strada, nell’oscurità di questo mio tempo. Perdona, se all’arrivo non terrò orgoglio fra le mani, né meriti né onore, né parole per lodarti. Perdona se cado sotto al peso dei miei anni di mortale, e se mi piego talvolta all’ombra che sfiora l’animo mio fragile. Arriverò. Sui miei piedi, solcherò ogni mio giorno. Ed io prometto, appellandomi all’anima, arriverò.

E. Edhilyen

Eco d’un Tempo Perduto

  

Sono l’eco d’un tempo perduto,

 

risuono nel fiero respiro immortale

del mondo che volta il volto scalfito

e dell’anima sua l’effige irreale

pare a chi sorge nel lembo inibito

 

ove nera è la neve nel fango distesa

sulla sterile pietra vello d’inganno

su cui una corolla giace indifesa

muta piangendo l’insano malanno.

 

Sono l’eco d’un tempo perduto,

 

volo sfuggente valicando le valli

solingo richiamo nei secoli perso

varco la terra dai fiori ai coralli

ed apro le ali nel cielo più terso

 

un libero spirito il cuor mio custodisce

memore e immemore di gloria sfumata

dal bacio del sole che il mondo nutrisce

ad effimera luce infeconda e plagiata.

 

 

Sono l’eco d’un tempo perduto,

 

odi il rombare degli zoccoli forti

odi il tremare degli steli ritorti

viva è la terra, il fiume ed il vento

vivo ed immenso è il firmamento,

 

lungi dal nero il caos ha taciuto

 

s’infrange il silenzio ad un suono ancestrale…

 

sono l’eco d’un tempo perduto.

 

 

E. Edhilyen